Pet therapy

Il Villaggio offre agli ospiti la possibilità di prendere parte al progetto denominato “Attività assistita con gli animali”, al fine di accrescere le capacità relazionali e comunicative.

Gli incontri, della durata di due ore, hanno cadenza settimanale e l’attività è gestita dall’Associazione “Le Querce del Nahual Dog Center associazione sportiva dilettantistica”.

Introduzione

Il rapporto uomo-cane risale a tempi molto antichi, quando l’animale veniva visto prevalentemente per fini specifici. Con la modernizzazione della società, gli animali, in particolare quelli definiti “da compagnia”, svolgono oggi un ruolo diverso. Questa evoluzione zooantropologica ha portato alcuni animali domestici a diventare per l’uomo fedeli compagni di vita e, più recentemente, validi supporti terapeutici. Le pratiche cliniche che sfruttano la collaborazione di animali per favorire il miglioramento di differenti situazioni di disagio sono state a lungo identificate come pet-therapy, (Boris Levinson, 1962). All’iniziale intuizione del valore terapeutico degli animali sono state dedicate numerose ricerche scientifiche, che ne hanno favorito l’evoluzione non solo metodologica (Martin, F., & Farnum, J., 2002; S.Muñoz et al, 2011; G Berry et al., 2013; Cirulli et al., 2011).

Oggi si preferisce parlare di “Interventi assistiti dagli animali” (IAA), termine generale che indica diversi tipi di prestazioni a valenza terapeutica, riabilitativa, educativa, didattica e ricreativa che prevedono il coinvolgimento di animali domestici, e che sono rivolti a persone affette da disturbi della sfera fisica, neuromotoria, mentale e psichica, ma possono essere indirizzati anche al miglioramento della qualità della vita di individui sani. A seconda degli obiettivi e delle aree di intervento si parla di Attività assistite dagli animali (AAA), Terapie assistite dagli animali (TAA), per le cui definizioni si rimanda all’art. 50 della Legge provinciale n. 6 del 23 Luglio 2010.

Attività Assistite con gli Animali (AAA) - Descrizione generale

Gli Interventi Assistiti con gli Animali (IAA) hanno valenza terapeutica, riabilitativa, educativa e ludico-ricreativa e prevedono l’impiego di animali domestici. Tali interventi sono rivolti prevalentemente a persone con disturbi della sfera fisica, neuromotoria, mentale e psichica, dipendenti da qualunque causa, ma possono essere indirizzati anche a individui sani. Secondo le linee giuda nazionali:

Nelle AAA la relazione con l’animale costituisce fonte di conoscenza, di stimoli sensoriali ed emozionali; tali attività sono rivolte al singolo individuo o ad un gruppo di individui e promuovono nella comunità il valore dell’interazione uomo-animale al fine del reciproco benessere.

Le AAA in alcuni casi sono propedeutiche alle TAA e sono finalizzate, tra l’altro, a:

  • accrescere la disponibilità relazionale e comunicativa;
  • stimolare la motivazione e la partecipazione.
  • sviluppare competenze attraverso la cura dell’animale

I gruppi di ragazzi per l’AAA devono essere costituiti da 10 soggetti, possibilmente equamente suddivisi tra maschi e femmine ed abbastanza omogenei per classi di età. Gli interventi saranno effettuati due volte a settimana con un intervento di durata di circa 120 minuti e consteranno delle seguenti fasi:

PRIMA FASE – Obiettivi:

  • Costruzione del rapporto con il cane coinvolto
  • Contatto con l’animale
  • Lancio di pallina-gioco

SECONDA FASE – Obiettivi:

  • Cura del cane
  • Spazzolare
  • Preparazione alla passeggiata

TERZA FASE – Obiettivi:

  • Imparare i comandi di base
  • Utilizzo del corpo e della voce
  • Passeggiare con il cane

Per ogni gruppo coinvolto le tre fasi si ripeteranno nell’ordine enunciato. Prima dell’inizio ed alla fine dell’AAA per ogni gruppo, il personale sanitario compilerà la scheda MOPI. Al fine di valutare i miglioramenti sarà scelto un gruppo di confronto omogeneo per numero sesso ed età che non partecipa all’AAA (può essere utilizzato un gruppo che parteciperà successivamente) che sarà utilizzato come gruppo-controllo. Anche per il gruppo controllo sarà compilato un questionario MOPI.

Equipe

L’Equipe di lavoro sarà costituita da:

  • Un terapista e/o medico della struttura che compilerà di formulari MOPI ed interagirà nell’ambito della AAA valutando di volta in volta le reazioni dei ragazzi. Al personale della struttura è devoluto il compito di scegliere i soggetti da coinvolgere.
  • Un educatore cinofilo che verificherà lo stato fisico e psichico del cane durante l’AAA e guiderà il conduttore nelle varie fasi di approccio
  • Un conduttore che porterà materialmente il cane e seguirà le indicazioni dell’educatore cinofilo
  • Un Terapista della riabilitazione specializzato in AAA che filmerà alcune  e preparerà inizialmente gli operatori della struttura con nozioni di base
  • Un medico veterinario che valuterà all’inizio degli AAA lo score attitudinale del cane e successivamente il suo stato di benessere psico-fisico.
  • Un laureato in discipline Biologiche che curerà l’elaborazione dei dati scientifici e ne redigerà il rapporto

Requisiti

Ogni ragazzo che parteciperà alle attività AAA sarà tesserato con l’ASD Le querce del Nahual Dog Center e necessiterà dell’autorizzazione del legale tutore alla partecipazione. I cani che parteciperanno alle attività saranno di razza Border Collies, vaccinati ed in regola con tutte le prescrizioni sanitarie.

Al fine di migliorare il benessere del cane e limitarne lo stress saranno utilizzati a rotazione diversi soggetti sia maschi che femmine tutti preliminarmente valutati