Modalità di accesso

Documentazione sanitaria

Documentazione da presentare all’équipe di Settore al momento dell'accettazione:

- copia di esami, cartelle cliniche e documentazione sanitaria in genere, richiesti dal Medico responsabile del progetto;

- eventuale altra documentazione richiesta dai professionisti dell’équipe (Psicologo, Assistente Sociale, ecc).

Nel caso l’utente abbia terapie in corso, prestate da un servizio pubblico, questa situazione dovrà essere tempestivamente comunicata al Medico responsabile del progetto.

La responsabilità sanitaria del trattamento del paziente è affidata al Medico responsabile del progetto.

Egli sarà il riferimento per quanto attiene l’assistenza sanitaria e le condizioni psicofisiche dell’ospite, in collaborazione con il medico territoriale dell’utente.

L’assistenza sanitaria e socio-assistenziale viene erogata da un’équipe formata da: Medici; Psicologi; Assistente Sociale; Coordinatore di reparto; Infermieri; Professionisti della riabilitazione (Educatori, Terapisti, ecc.); Operatori socio-sanitari (OSS) e Assistenti.

Lo strumento utilizzato dall’Istituto per la presa in carico degli utenti è il PRI (Progetto Riabilitativo Individualizzato) che andrà condiviso anche con i famigliari/tutore/amministratore di sostegno. Il PRI viene utilizzato e schematizzato nel Progetto SIAR che deve essere debitamente sottoscritto dal familiare/tutore/amministratore di sostegno.

Documentazione accettazione

L'Assistente Sociale, il primo giorno di presa in carico, accompagna il paziente o il genitore/ tutore in Accoglienza dove vengono richiesti i seguenti documenti:

  • Consenso al trattamento dei dati personali e Autorizzazione riprese foto/video
  • Dichiarazione sostitutiva del certificato di residenza e stato di famiglia
  • Fotocopia di documento di riconoscimento dell’utente e degli aventi diritto
  • Invalidità civile
  • Certificato medico specialista con relativa diagnosi e impegno assistenziale
  • Tessera sanitaria
  • Istanza di tutela
  • Codice fiscale
  • Riferimenti particolari relativi alla scheda SIAR
  • Varie ed eventuali a seconda delle norme di legge

Modalità di accesso

I servizi territoriali o i genitori intenzionati a richiedere un accesso ai propri assistiti contattano il Villaggio telefonicamente o mediante visita.

L’Assistente Sociale o lo Psicologo effettuano un colloquio, anche telefonico, per orientare la richiesta di accesso e verificare insieme la possibilità di effettuare una prima visita.

Per richiedere una prima visita è necessaria una relazione di presentazione del paziente da parte del servizio territoriale di riferimento.

La prima visita sarà effettuata dall’UPV (Unità di Prima Valutazione) composta da Medico Referente del Settore, Psicologo, Assistente Sociale, Coordinatore di Settore e altre figure professionali secondo il caso, che valuterà l’idoneità al ricovero e il reparto più adatto al paziente tra quelli presenti nel settore.

In tale occasione viene presa visione della documentazione clinica in possesso del paziente e vengono spiegate le aree di interesse specifico delle attività residenziali ed i criteri di priorità generale.  Inoltre l’UPV valuta l’urgenza dell’intervento riabilitativo ed assegna un codice di priorità.

Riscontrata l’idoneità al ricovero, l’utente viene ufficialmente inserito nella lista d’attesa.

L’UPV in accordo con la famiglia e/ o i referenti del progetto stabiliranno i tempi e le modalità di inserimento.